Artisti
Curtil Sophie
Sophie Curtil è nata a Parigi nel 1949. Fin da piccola frequenta i laboratori d'arte per bambini di Arno Stern all'"Académie du Jeudi" quindi all'"Atelier des moins de quinze ans" ed al "Musée des Arts décoratifs"; prosegue poi negli studi artistici a Parigi e a Praga, dedicandosi in seguito per una decina d'anni all'incisione. Nel 1973 inizia ad occuparsi di infanzia con l'apertura, a Parigi, di un laboratorio di pittura per bambini. Nello stesso anno collabora con l'Atelier des enfants del Centro Pompidou e, dal 1977 al 1987, é animatrice al Musée national d'art moderne. Nel 1985 crea la collana di libri L'art en jeu, (Edizione Centre Georges Pompidou, Paris), che dirige insieme ad Elisabeth Amzallag-Augé. Attualmente lavora presso il Servizio d'Azioni Educative del Centro Pompidou, dedicandosi in particolar modo agli ipo e ai nonvedenti. Su richiesta del museo d'arte africana "Dapper", ha ideato nel 1991 la collana KITADI (Editions Dapper, Paris). E' autrice di una quindicina di titoli in queste due collane e co-autrice, insieme a Milos Cvach, di L'Art par 4 chemins. Nel 2000 il Centre National du Libre le assegna una borsa di studio per la progettazione di una serie di libri artistici tattili per bambini non vedenti. Il primo titolo, Ali ou Léo? (2002), é realizzato con la tecnica delle impronte, attività che si riallaccia ai suoi studi passati nel campo dell'incisione. Sophie Curtil tiene spesso laboratori d'arte per bambini e si occupa di formazione per insegnanti e bibliotecari.
Ali ou Léo?
    

Con il contributo di: