Artisti
De Santis Alfredo
Alfredo De Santis nasce a Roma nel 1941. Inizia a disegnare all'età di sei anni, frequenta quindi il liceo Artistico e l'Accademia di Belle Arti di Roma negli anni in cui insegnano Turcato, Consagra e Mafai. Lui stesso afferma che la sua formazione artistica però è avvenuta anche, e soprattutto, tra il gruppo di fantastici coetanei che in quel periodo avevano come luogo d'incontro la libreria "Ferro di Cavallo", gestita da Agnese de Donato e frequentata da Schifano, Novelli, Burri, Perilli, Sinisgalli, Pagliarani, Giuliani. Nel gennaio del 1962 conosce Folco Lucarini, che lo convince a partire per Milano e, proprio nel suo studio, la carta, le colle, le riviste, diventano i personaggi delle storie che va inventando. Questa esperienza lo porta ad amare i lavori di Michele Provinciali, Pino Tovaglia, Giancarlo Iliprandi e Folco Lucarini, stampati sui "Quaderni Imago" editi da Bassoli Fotoincisioni, scopre anche il segno come racconto. Lui stesso definisce gli anni milanesi una grande lezione di metodo e di libertà inventiva, che gli fecero scoprire la sua doppia natura di narratore a cavallo tra la grafica e la pittura. Nel 1964 torna a Roma e apre il suo primo studio professionale; i suoi lavori spaziano tra l'editoria, la politica e il cinema. Realizza alcuni libri per ragazzi per Bompiani e Emme Edizioni e una favola industriale sulla nube di Seveso per AMZ di Milano. Cura quindi il progetto grafico per la Nuova Italia Scientifica e la nuova veste grafica per il quotidiano "II Lavoro" di Genova. Per la campagna elettorale delle elezioni politiche del 1972, disegna una serie di manifesti per il PSIUP e dal 1973 al 1977, progetta la parte grafica del settore stampa e propaganda della federazione romana del PCI. Ha realizzato molte sigle grafiche per i cicli cinematografici della RAI e curato numerose rassegne cinematografiche come Le Giornate del Cinema Muto, La Mostra Internazionale del Telefilm, La Commedia all'italiana. A queste attività affianca il lavoro di pittore con un diario grafico-pittorico che lo porta negli anni a creare storie come: Alfazoo, Il Tappeto volante, L'occhio americano, La poltrona di Mary, I giorni della fionda. I suoi lavori sono stati pubblicati da: Novum, Art Directors Club Milano, Idea, Graphicus, Modern Publicity, Visual Design, Pubblicità in Italia, Deco Press, Graphis, Linea Grafica, Italian Illustrators, ABC Verlag Ziirich, Ottagono, Domus, Japan Pubblications Trading Co.
Alfazoo
    

Con il contributo di: