Artisti
Lavater Warja
Nasce a Winterthur, Svizzera, nel 1913. Vive i primi nove anni tra Mosca ed Atene. Nel 1922, la madre (l'autrice Mary Lavater-Sloman) ed il padre Emil Lavater decidono di ritornare con la famiglia a Wintherthur; conclusa la scuola superiore dal 1931 al 1935 studia arte grafica all'Accademia di Belle Arti di Zurigo, proseguendo quindi gli studi fra Stoccolma, Basilea, e Parigi. Nel 1937 apre il suo primo studio di grafica a Zurigo con il futuro marito Gottfried Honegger. Durante quest'esperienza lavorativa si avvicina al simbolismo che l'accompagnerà per tutto il corso della sua vita artistica. Una delle sue prime creazioni è il logo con le tre chiavi realizzato per la Schweizerischen Bankverein (Società di banca svizzera), ed il logo per l'Esibizione Svizzera Nazionale del 1939. Dal1944 al 1958 realizza copertine e illustrazioni per il giornale per ragazzi Jeunesse e successivamente ne diventa l'editore responsabile. Nel 1958 si trasferisce a New York, dove comincia ad illustrare riviste scientifiche per l'editore Visuals. Nel primo periodo newyorkese incontra il caleidoscopico mondo delle pubblicità americane ed inizia a disegnare pittogrammi, creando, nei suoi lavori, una nuova forma di linguaggio. Nel 1962 termina il suo primo libro, William Tell (Guglielmo Tell) pubblicato dal Museo di arte moderna di New York. Dal 1963, l'editore francese Adrien Maeght pubblica una serie di libri chiamati "Imageries" (Immaginazioni). I libri raccontano le favole classiche dedicate ai bambini utilizzando un nuovo linguaggio fatto di forme semplici e colorate: dai Fratelli Grimm a Charles Perrault e Hans Christian Andersen. Questi libri d'arte, che rileggono i classici della narrativa e delle favole preferendo l'uso della grafica simbolica alle figure realistiche, rendono l'artista famosa in tutto il mondo. Nel 1995 realizza alcuni video musicali molto colorati, che alternano grafie e forme diverse. Muore a Zurigo nel 2007.
Cendrillon
    
La Belle au Bois dormant
    
The Rose and the Tree frog
    

Con il contributo di: